venerdì 15 gennaio 2016

Triana,l'anima di Siviglia

Quando siamo arrivati a Siviglia la prima cosa che ci ha detto la ragazza della reception di "Apartamentos Puerta Catedral"è stata:
"Se volete respirare la vera anima della città,le mete meno turistiche,ma più vere,attraversate il ponte ed andate a Triana."
Nel XIII secolo,per decreto reale,i Gitani si stabilirono sulla riva destra del fiume Guadalquivir:molto presto,furono raggiunti da marinai ed artigiani.
E' grazie a loro se ancora oggi il quartiere di Triana conserva una tradizione popolare e genuina,ibrida,culla del flamenco e di toreri illustri.
Oggi  si è "imborghesita",ma conserva ancora la sua anima di periferia e resta il fulcro di un incessante turbinio culturale.
Davanti a Triana si erge El Arenal,antico porto in secca che ospita le sue splendide Arene (Plaza de Toros),l'Ospedale della Caridad,
la Magdalena(chiesa-museo in cui il barocco raggiunge la perfezione,
splendidi gli azulejos sulla cupola) e la Torre dell'Oro.
Abbastanza vicino si trova anche l'immensa Alameda de Hercules,centro di raduno di ragazzi alternativi,dove potete trovare negozi trendy e locali fuori dal comune.
Più a Nord,il celebre quartiere della Macarena ospita nella sua imponente Basilica la Madonna più venerata della città:anche qui nasce l'anima popolare di Siviglia.
Le sue stradine sono un concatenarsi ingemmato di meraviglie:
chiese gotico-mudejar,santuari barocchi come San Luis,monasteri dove bussare per acquistare i dolci zuccherati preparati dalle monache.
Calle Feria,con le sue piccole botteghe ed il mercato popolare,è di certo la più animata.
Per molto tempo Triana è stata collegata a Siviglia unicamente da un ponte di barche:da qui il carattere popolare di questo barrio.
In Calle Betis troverete un meraviglioso susseguirsi di caffè all'aperto 
ed essa costituisce il punto massimo di animazione:dalle più tranquille stradine laterali è invece possibile lasciarsi ammaliare dalle note di flamenco.
Triana era considerata la "riva sbagliata del fiume",covo di vizio,violenza,sporco e pericoloso perchè abitato da Gitani:ora è uno dei punti caldi della movida bohèmienne sivigliana.
Le notti a Siviglia sono lunghe e piacevoli ed il clima temperato durante tutto l'anno la rende ancora più godibile: è bellissimo sorseggiare una sangria o un buon tinto in uno dei tantissimi ristorantini che si affacciano sul fiume Guadalquivir e vedere la città tutta illuminata!
Come vi ho già detto,la prima cosa da fare arrivati in città è cambiare l'orologio biologico:nessun sivigliano mangia prima delle 14:30/15:00 o prima delle 22:30!!
L'affluenza di turisti permette di potersi sedere e consumare qualcosa un pochino prima,ma ricordatevi che i ristoranti aprono in genere molto tardi.
La Taberna del Alabaldero si trova all'interno di un meraviglioso palazzo ottocentesco rilevato dalla scuola alberghiera:è stato trasformato in un complesso spagnolo per eccellenza,che propone sala da tè,reparto di gastronomia,rosticceria,bistrot,ristorante e hotel di lusso.
Al piano terra trovate un menù dal prezzo fisso più abbordabile,mentre al primo piano un ristorante di un certo livello.
Vengono presentati prodotti della cucina spagnola e mediterranea e la qualità delle materie prime si evince subito dal primo boccone.
Come sempre,è bene spingersi un po' più all'interno di un quartiere ed evitare le location troppo turistiche che promettono menù costruiti a prezzi stracciati.
Una delle cose che più mi faranno ricordare Siviglia è il pescado fritto:
panature indescrivibili,una vera e propria goduria per tutti e cinque i sensi.
Che bontà,ragazzi!
Vi consiglio la Freiduria Reina Victoria:localino spartano dove consumare o portare via ottimo pesce fritto al cartoccio.
Sempre stracolmo di gente del posto,offre una grande varietà di pesce fresco,fritto oppure su tapas.
A conduzione familiare,i proprietari sono gentilissimi e simpaticissimi e sarà per loro un piacere consigliarvi il pescado del giorno!
Ottimi anche il vino e la birra della casa.
Pausa golosa eccezionale.
Un Tapas Bar molto alla buona,frequentato dai sivigliani,che offre tapas da leccarsi i baffi,dai sapori semplici ed autentici a prezzi irrisori è 
Las Golondrinas 2,sempre in zona Triana.
Nella maggior parte dei casi comunque,ho avuto modo di notare che i 
Tapas Bar sono quasi tutti sempre pieni:fate attenzione e se notate che nel locale bazzica gente del posto,non siate timidi e buttatevi.
Sicuramente siete nel posto giusto ed avrete modo di gustare qualcosa di particolarmente buono e sarà impossibile non intavolare una bella chiacchierata con qualche sivigliano doc!
I consigli delle persone del luogo sono sempre preziosissimi,ascoltateli!
Un altro posticino che ci ha molto colpito e che abbiamo frequentato durante la nostra vacanza a Siviglia è stato il Mercado Lonja del Barranco,vicinissimo al ponte che conduce a Triana:il ponte di Triana,appunto.
Durante il giorno è affollato:all'interno ci sono pochi posti a sedere,ma è organizzato un po' come il Mercado di San Miguel a Madrid.
Ognuno possiede il suo spazio,ognuno offre i suoi prodotti al banco e potete trovare di tutto:pescato del giorno,ostriche,champagne,tapas semplici o dai sapori più ricercati,frutta,verdura,dolci,tortillas e tante altre ghiottonerie.
Non è economico,ma la genuinità,la qualità e la freschezza dei prodotti vale la spesa!
All'esterno si trovano tavolini e tavoloni dove è possibile sedersi e durante la bella stagione ci sono spettacoli live di musica:ammirare da qui Siviglia di notte non ha prezzo!
La passeggiata nella nuova zona pedonale sotto il ponte è ancora più romantica!


Un'alternativa ai Tapas Bar,in voga soprattutto tra i giovani,è data dai panini della catena sparsa in tutta Siviglia i "100 Montaditos".
Ho scoperto che ha da poco aperto i battenti anche a Milano e Roma.
La nostra prima volta è stata allucinante,perchè non conoscendo lo spagnolo ci abbiamo messo un po' a capire bene il funzionamento delle ordinazioni del locale,ma non fatevi scoraggiare,perchè i panini sono gustosissimi ed il personale molto affabile!!
Su ogni tavolino si trovano il menù,con la scelta di ben 100 panini diversi,anche per quanto concerne le dimensioni,carta e penna
 per l'ordinazione.
Potete ordinarne quanti ne volete:con lo jamon iberico,con il baccalà,con la tortillas di patate,con i calamari,formaggio,pollo,verdure....la selezione degli ingredienti è prettamente spagnola,con pane fatto in casa ancora caldo.
Vasta scelta di insalate e anche di montaditos (panini,appunto!)dolci!
Una volta che avete scelto cosa mangiare e cosa bere consegnate la vostra ordinazione alla cassa,pagate,dite il vostro nome ed aspettate.
Le bevande vi saranno consegnate subito.
La Cerveza e la sangria vanno per la maggiore,naturalmente!
Quando il vostro ordine sarà pronto per la consegna,vi chiameranno dalla cucina con l'altoparlante e potrete andare a ritirare la vostra pappa!
Comodo,pratico,velocissimo,gustosissimo e soprattutto economicissimo,con ingredienti goderecci!!
Abbiamo provato 100 montaditos nei locali davanti all'Università di Siviglia
 e nel quartiere di Triana:stessa formula e risultato più che buono!
La zona intorno all'Università è colma di Tapas Bar e ristoranti dove fermarsi per una sosta:è bello osservare il via vai di turisti,studenti e residenti mentre ci si riposa dalle fatiche della giornata!
Spingetevi fino alla celeberrima Plaza de Espana:si tratta di un palazzo ad emiciclo in stile neorinascimentale fiancheggiato da due torri enormi che danno accesso a gallerie dominate da azulejos dedicati a tutte le province del paese.
Qui si trova anche un piccolo canale,percorribile in barca e diversi ponticelli colorati.
Piazza molto coreografica!
In Ottobre faceva così caldo che ci è stato quasi impossibile godercela con calma:la piazza di Spagna si trova completamente al sole.
Non oso immaginare come possa essere infuocata durante i mesi estivi,
dove le temperature a Siviglia toccano anche i 45°!!
Per quanto riguarda il flamenco,molti sivigliani ci hanno consigliato di restare proprio a Triana per godere di uno spettacolo vero e fuori dagli itinerari turistici.
Lo Nuestro,in Calle Betis,è famosissimo per aver ospitato performance con i migliori ballerini del mondo:lo show di flamenco è qualcosa di molto intenso e passionale,può piacere o non piacere,ma di certo non lascia indifferenti.
Lamento d'amore,di dolore,di rabbia o talvolta di felicità,il flamenco è una danza di grande virtuosismo,raccolto soprattutto nel movimento del corpo 
e nell'espressività del volto,in cui ogni piccolo,banale gesto comunica un sentimento.
Non può esserci viaggio in Andalusia senza un assaggio di flamenco:qui non si tratta di una semplice danza,poichè le sue radici tramandate dai gitani rendono questo spettacolo culturalmente importante.
Nei tantissimi tablaos,locali specializzati nelle esibizioni di flamenco,
i ballerini con i loro tacchi sapranno incantarvi ed il suono della chitarra classica,unito al canto roco e melanconico del cantor vi trasporterà in un'altra dimensione.
Ricordatevi di prenotare:gli show sono sempre affollatissimi.
Impossibile resistere al fascino della moda flamenca:maniche a campana e volant,abiti a pois,scarpe con tacchi e cinturino,ventagli dai colori sgargianti,con grandi fiori dipinti a mano e scialli dai colori vivaci fanno bella mostra di se nei negozi della città.
Questi abiti vengono utilizzati dai sivigliani soprattutto durante le ferias,le feste tradizionali andaluse.
Nel quartiere di Triana ci si imbatte anche in numerosi laboratori e negozi di ceramica:piastrelle ornamentali coloratissime,vasi,piatti,brocche ed utensili per la cucina.
Tutto decorato a mano,con incredibile maestria:è bellissimo ammirare quest'arte nei laboratori e vi assicuro che le creazioni degli artigiani vi lasceranno a bocca aperta.
Le stoviglie (piatti,bicchieri,boccali e pentola in terracotta)si possono acquistare a buon prezzo anche nei mercatini sparsi per la città.
Carino il Mercadillo de la Plaza del Cabildo:questa piazzetta semicircolare è davvero molto suggestiva ed è possibile curiosare tra bancarelle di antiquariato sotto le arcate,per immergersi,ancora una volta,nel cuore più autentico di Siviglia.



Nessun commento:

Posta un commento